• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il mondo delle piante

Il fiore

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Caratteristiche generali del fiore

Il fiore è l'organo deputato per la riproduzione sessuata nelle Angiosperme. Nel fiore, in linea generale, si trovano le parti fertili costituite dall'insieme dei pistilli, il gineceo (parte femminile), e l'insieme degli stami, l'androceo (parte maschile). Assieme alle parti fertili si trovano anche altre parti sterili che svolgono particolari funzioni. Gli elementi fiorali sono inseriti su un un corto asse chiamato ricettacolo, o talamo. Su questo è inserito il perianzio, costituito nelle Dicotiledoni dal calice (insieme dei sepali) e dalla corolla (insieme dei petali), che hanno funzione vessillare, cioè di richiamo visivo per gli animali impollinatori. Nelle Monocotiledoni si trovano solo fiori con elementi del perianzio tutti uguali a formare i perigonio, formato dall'insieme dei tepali. Non sempre i fiori presentano insieme le parti fertili maschili e femminili. Se sono presenti solo gli stami i fiori sono detti maschili, o staminiferi, se sono presenti solo i pistilli sono detti femminili, o pistilliferi. I fiori di questo tipo sono chiamati unisessuali, o diclini. Nel caso in cui i due sessi sono presenti nel medesimo fiore si parla invece di fiore ermafrodita, o monoclino. Spesso il perianzio è totalmente assente e in questo caso i fiori sono definiti nudi, o aclamidi.

Caratteristiche generali del fiore

Fiori a simmetria raggiata

Quando il fiore è suddivisibile in tre o più parti simmetriche esso è a simmetria raggiata, detta anche regolare o attinomorfa (a forma di stella). I singoli elementi fiorali possono essere separati (corolla dialipetala, calice dialisepalo) (es. cisto) o più o meno concresciuti (corolla gamopetala, calice gamosepalo). La corolla si definisce rotata quando i petali sono concresciuti alla base formando un corto tubo (es. buglossa), mentre se i petali sono completamente concresciuti a formare una campana o un tubo la corolla è detta campanulata o tubulosa (es. Campanula, Composite).

Fiori a simmetria raggiata

Fiori a simmetria bilaterale

Se il fiore è suddivisibile in sole due metà simmetriche si parla di simmetria bilaterale. Questi fiori sono anche chiamati zigomorfi o irregolari. Ne sono esempi i fiori delle Labiate (fiore bilabiato), delle Leguminose (fiore papilionaceo) e delle Orchidacee, che può assumere caratteristiche molto differenti a seconda del Genere.

Fiori a simmetria bilaterale


Riferimenti

  • Judd W.S., Campbell C.S., Kellogg E.A. Stevens P.F., 2002. Botanica Sistematica. Un approccio filogenetico. Piccin Nuova Libraria
  • Gerola F.M., 1998. Biologia vegetale. Sistematica filogenetica. Terza edizione. UTET
  • Tonzig S., Marrè E., 1983. Botanica generale. Morfologia e fisiologia vegetali. Parte Prima. Terza edizione. Casa Editrice Ambrosiana


logo

Sardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logoSardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logo

Le nostre community

Vuoi scriverci, darci un consiglio o hai riscontrato un problema su questo sito?

© 2017 A.C. Sviluppo Sostenibile. C.F. 92240180924. Tutti i diritti sono riservati.