Italian English French German Portuguese Russian Spanish
  • Registrati
DNA e geni

DNA è una sigla che significa Acido Desossiribonucleico e indica la molecola che contiene le informazioni che determinano le caratteristiche morfologiche, fisiologiche e biochimiche di tutti gli organismi viventi.

DNA e geniIl DNA è costituito da due filamenti avvolti a spirale costituiti da molecole chiamate nucleotidi. Un nucleotide è formato da desossiribosio (uno zucchero), acido fosforico e da una base azotata. Le basi azotate possibili sono quattro: adenina, guanina, timina e citosina. Le informazioni genetiche contenute nel DNA dipendono dalle infinite possibili sequenze delle quattro basi azotate. 

I due filamenti di DNA sono uniti tra loro attraverso le basi azotate. I legami non sono casuali, infatti la timina di un filamento può legarsi solo con l'adenina dell'altro filamento, e la guanina solo con la citosina. 

Il DNA è conenuto nelle cellule di tutti gli organismi. Anche la maggior parte dei virus contiene DNA. 

I filamenti di DNA si trovano impacchettati in forme più compatte chiamate cromosomi, che sono contenuti all'interno del nucleo cellulare negli organismi eucarioti, o in una zona particolare della cellula negli organismi procariotiOgni caratteristica di un organismo è codificata da una regione del DNA chiamata gene. Un gene quindi non è altro che una sequenza di basi azotate. Per un gene possono esistere diverse forme alternative, cioè diverse sequenze di basi. Le forme alternative di uno stesso gene sono chiamate alleli

Gli individui di una stessa specie, pur essendo tra loro molto simili, non sono identici proprio perché i loro geni presentano forme alleliche diverse. 

La presenza di diverse forme dei vari geni è detta variabilità genetica. La variabilità genetica è molto importante perché permette l'evoluzione degli organismi viventi grazie al processo della selezione naturaleLa causa principale della variabilità genetica sono le mutazioni, cioè cambiamenti casuali lungo la sequenza nucleotidica o di intere porzioni di cromosoma. Un altro processo che genera variabilità genetica è la ricombinazione, che agisce tramite lo scambio di DNA tra cromosomi durante la meiosi. Inoltre durante la riproduzione sessuata, quando i cromosomi dei due genitori si combinano per formare un nuovo individuo, avviene un assortimento casuale degli alleli che aumenta ulteriormente la variabilità genetica. 

Ivo Rossetti - Sardegna Natura 09/01/2012

Torna su

X

Attenzione!

Gentile utente, i contenuti di questo sito web sono coperti da Copyright (vedi Politiche del sito). Per qualsiasi informazione contattaci utilizzando il nostro modulo contatti.