Italian English French German Portuguese Russian Spanish
  • Registrati
Comunità biologica ed ecosistema

La comunità biologica, o biocenosi, è l'insieme degli individui delle diverse specie che convivono e interagiscono in una data area. Gli organismi che costituiscono la comunità biologica (ambiente biotico) si interfacciano anche con l'ambiente non vivente (ambiente abiotico), rappresentato da rocce, acqua, aria, terra, nutrienti, sostanze organiche, luce.

La comunità biologica, insieme all'ambiente non vivente, costituiscono l'ecosistema, o sistema ecologico. 

Comunità biologiche ed ecosistemiL'ecosistema può essere considerato come una macchina, e come tale per funzionare ha bisogno di energia. 

L'energia che fa funzionare l'ecosistema deriva dal sole. 

L'ecosistema è sede di complesse attività, che sono date dalle interazioni tra gli organismi. Per poter funzionare, l'ecosistema ha bisogno di un'organizzazione interna, dove ogni essere vivente svolge un ruolo ben preciso, ovvero occupa una precisa nicchia ecologica

La comunità biologica di un ecosistema può essere suddivisa in categorie chiamate livelli trofici

Il primo livello trofico è quello dei produttori primari, cioè gli organismi vegetali, che con il processo della fotosintesi possono utilizzare l'energia solare e convertirla in energia chimica sottoforma di sostanze organiche. 

Negli ecosistemi terrestri i produttori primari sono principalmente le piante (muschi, felci, erbe, arbusti, alberi).  Negli ecosistemi acquatici, invece, sono soprattutto le alghe (uni e pluricellulari) e i ciano batteri. 

Il secondo livello trofico è quello degli erbivori, che si nutrono dei produttori primari e per questo motivo sono chiamati anche consumatori primari

Il terzo livello trofico è rappresentato dai predatori, o consumatori secondari, che si nutrono degli erbivori o di altri predatori (in questo caso sono detti superpredatori). 

Il quarto livello trofico è quello dei cosiddetti detritivori, che si nutrono e triturano la materia organica morta, come le foglie degli alberi o le spoglie degli animali. A questa categoria appartengono lombrichi, acari, coleotteri e altri invertebrati.

Infine, all'ultimo livello ci sono i decompositori. Sono rappresentati principalmente da funghi e batteri. La loro funzione è di scomporre completamente le sostanze organiche e convertirle in sostanze inorganiche semplici, rendendole così nuovamente disponibili come nutrienti per i produttori primari, che le riciclano facendo ricominciare il ciclo degli elementi. Questo ciclo viene definito biogeochimico (da bio = vita e geo = Terra, perché gli elementi passano ripetutamente dagli esseri viventi al mondo non vivente e viceversa). 

Ivo Rossetti - Sardegna Natura 09/01/2012

Torna su

X

Attenzione!

Gentile utente, i contenuti di questo sito web sono coperti da Copyright (vedi Politiche del sito). Per qualsiasi informazione contattaci utilizzando il nostro modulo contatti.