• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fauna della Sardegna

Pettirosso (Erithacus rubecula)

Pettirosso (Erithacus rubecula)

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Nome comune

Pettirosso

Nome scientifico

Erithacus rubecula Linnaeus

Nomi sardi

Pittirùggiu, pettorrirùiu, princiòttu, groddho, iscàrgiu orrùbiu, grisu, scràxiu arrùbiu, fra baìnzu

Descrizione

Il Pettirosso è un uccello passeriforme di piccole dimensioni (lunghezza di 13-14 cm a apertura alare di 22-24 cm) facilmente identificabile grazie al colore rosso-arancio del petto, mento e gola. L'individuo adulto ha la testa color verde oliva che tende a sfumare di grigio; il becco è piccolo e scuro e gli occhi hanno l'iride bruno-scuro. Le parti superiori del corpo e le ali sono verde oliva scuro; mentre quelle inferiori, escludendo il petto rossiccio, sono bianche-grigiastre. La coda, lunga e squadrata, è scura. Le zampe sono scure. L'individuo giovane ha una colorazione generalmente brunastra. In tutto il corpo presenta delle macchie chiare a scure che gli conferiscono un aspetto maculato. Il petto, invece che rosso-arancio è castano chiaro.
Il pettirosso non presenta un dimorfismo sessuale.

Biologia

Il Pettirosso è un uccello che ama stare in solitario. Il maschio è molto combattivo e aggressivo quando sceglie il territorio, e dopo che si forma la coppia anche la femmina lo diventa.
Costruisce il nido all'interno di cespugli o di cavità degli alberi nel quale depone 5-6 uova. L'incubazione viene effettuata dalla femmina. Una volta nati, i pulli vengono alimentati da entrambi i genitori.

Ambiente

Il pettirosso frequenta sia le pianure che le montagne e predilige le foreste di conifere, ma lo si può vedere anche tra la macchia mediterranea e zone con molti cespugli che gli consentono di nascondersi.
Nidifica in tutta l'Europa tranne che nell'Islanda. La popolazione presente in Sardegna è sedentaria e nidificante, alla quale si aggiungono altri individui provenienti dalle zone settentrionali per svernare.

Curiosità

Il genere Erithacus che alcuni studiosi lo avevano dato al pettirosso confondendolo con un altro uccello; rubecula deriva dal latino ruber che significa rosso in relazione al colore del petto.

 

Fotografia di Mauro Sanna.

 

Classificazione scientifica

Regno: Animalia

Phylum: Chordata

Classe: Aves

Ordine: Passeriformes

Famiglia: Muscicapidae

Genere: Erithacus Cuvier

Specie: Erithacus rubecula Linnaeus

 



logo

Sardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logoSardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logo

Le nostre community

Vuoi scriverci, darci un consiglio o hai riscontrato un problema su questo sito?

© 2017 A.C. Sviluppo Sostenibile. C.F. 92240180924. Tutti i diritti sono riservati.