• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Schede della fauna

Pigliamosche (Muscicapa striata)

Pigliamosche (Muscicapa striata subsp. tyrrhenica)

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Nome comune

Pigliamosche

Nome scientifico

Muscicapa striata subsp. tyrrhenica Schiebel

Nomi sardi

Pappamùsca, cèddha, pappalìnu istuttacandhèlas, biccafìgu

Descrizione

Il Pigliamosche è un passeriforme di piccole dimensioni (lunghezza di 14-15 cm e apertura alare di 23-27 cm). L'individuo adulto ha una colorazione generalmente bruno-grigiastra. Il vertice della testa e la fronte presentano delle strie scure. Il becco è appuntito, largo, di colore scuro, che viene utilizzato per la cattura degli insetti in volo. Il mento e la gola sono bianchi. Le parti inferiori del corpo sono marroncino chiaro, con il petto che può presentare delle striature più o meno marcate; l'addome e il ventre sono biancastri. Le ali e la coda sono di colore bruno scuro. Le zampe sono nere. Nell'individuo giovane il piumaggio è più scuro rispetto all'adulto; nelle parti superiori e inferiori ha delle macchiette chiare.
Note: la specie nominale, presente nel resto del continente, ha una colorazione del corpo meno accesa, ma le striature delle parti inferiori più marcate. È comunque difficile distinguere la specie nominale con la sottospecie presente in Sardegna.

Biologia

La femmina costruisce il nido tra i cespugli o nelle cavità degli alberi con rami secchi esternamente e piume e peli internamente, nel quale vi depone 4-5 uova. La cura dei pulli è a carico di entrambi i genitori. Ci possono essere due covate: la prima verso maggio-giugno, la seconda, più rara, a giugno-luglio.
La sua alimentazione è basata su piccoli insetti volanti che cattura in volo con movimenti acrobatici; durante l'inverno si ciba anche di qualche bacche e di vermi.
È una specie che solitamente ama stare da sola. Lo si può vedere sui posatoi in una posizione eretta quando è in attesa della preda.

Ambiente

Il Pigliamosche frequenta zone con boschi e cespugli, ma anche parchi e orti nelle campagne vicine ai centri abitati, sia in pianura che in montagna.
La specie nominale è diffusa in tutta Europa come specie nidificante, e si sposta verso l'Africa tropicale per svernare. In Sardegna, oltre alla sottospecie è possibile che cia sia anche la specie nominale durante il periodo di svernamento.

Curiosità

L'epiteto specifico striata è riferito alle striature presenti sul capo e sul petto del pigliamosche.
È una sottospecie della Sardegna e della Corsica.
Il pigliamosche è un uccellino molto utile per l'uomo in quanto è in grado di catturare gli insetti che possono essere "dannosi" per le coltivazioni o quelli che possono creare disturbo come mosche e zanzare.

 

Fotografia di Mauro Sanna.

 

Classificazione scientifica

Regno: Animalia

Phylum: Chordata

Classe: Aves

Ordine: Passeriformes

Famiglia: Muscicapidae

Genere: Muscicapa Brisson

Specie: Muscicapa striata Pallas

Sottospecie: Muscicapa striata subsp. tyrrhenica Schiebel



logo

Sardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logoSardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logo

Le nostre community

Vuoi scriverci, darci un consiglio o hai riscontrato un problema su questo sito?

© 2017 A.C. Sviluppo Sostenibile. C.F. 92240180924. Tutti i diritti sono riservati.