• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Schede della fauna

Tarantola muraiola (Tarentola mauritanica)

Tarantola muraiola (Tarentola mauritanica)

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Nomi comuni

Tarantola muraiola, geco comune

Nome scientifico

Tarentola mauritanica Linnaeus

Nomi sardi

Taràntula, prantulèddha, pistillòne

Descrizione

La Tarantola muraiola, o geco comune, è un rettile dalle piccole dimensioni (lunghezza di 10-16 cm). Ha una forma allungata e una colorazione variabile sia nei singoli individui che in base alla quantità di luce presente, periodo della giornata (di giorno più scuro e di notte più chiaro). Il colore è generalmente grigio chiaro oppure color crema con macchie più scurette. Alcuni individui sono in grado di modificare e adattare la colorazione in base alla superficie in cui si trovano. La testa è abbastanza grossa con due occhi sporgenti. Sulla testa e sul dorso sono presenti dei tubercoli disposti in file longitudinali. La coda è lunga quanto il corpo ed è costituita da anelli di colore scuro e chiaro. Gli arti sono provvisti di cinque dita dotate di particolari organi che gli permettono di arrampicarsi sulle superfici lisce. Il maschio ha un rigonfiamento alla base della coda per la presenza di due emipeni e di pori preanali.

Biologia

Dopo la fine del letargo in primavera, il maschio inizia ad occupare un territorio e a richiamare la femmina con versi molto particolari che hanno anche lo scopo di allontanare gli altri maschi. Gli accoppiamenti sono sempre più di uno ciascuno dei quali porta alla deposizione di 2-3 uova. Esternamente queste presentano una sostanza adesiva che permette loro di essere ancorarate sotto le rocce, pietre, tegole. Le uova si schiudono dopo circa 4 mesi.
La tarantola muraiola ha abitudini prettamente notturne e crespucolari ma non è raro vederla anche di giorno mentre si termoregola al sole. La caccia avviene prevalentemente di notte grazie alla presenza di recettori molto sensibili presenti nella retina. Può avvenire in solitario o in gruppo quando è presente molto cibo. Solitamente si apposta e tende un agguato alle sue prede afferrandole con la lingua. La sua alimentazione è costituita da insetti e ragni che trova in prossimità delle abitazioni. Dopo il pasto è solita utilizzare la lingua per pulirsi il muso e umidificare gli occhi.

Ambiente

Originariamente la tarantola muraiola viveva nell'ambiente forestale e roccioso mentre oggi la si può vedere sui muretti a secco, nelle pietraie e nelle abitazioni dove si è adattata perfettamente.
È presente in tutto il bacino del Mediterraneo ad esclusione della Grecia e in Turchia dove è sostituita dal geco verrucoso. In Sardegna è diffusa praticamente ovunque ad esclusione delle zone ad altitudini maggiori per via delle basse temperature.

Curiosità

Il genere Tarentola è il nome latino dei gechi; l'epiteto specifico mauritanica è riferito alla Mauritania, lo stato africano dove è stata scoperta e descritta per la prima volta.
La coda della tarantola muraiola quando si stacca è in grado di ricrescere.

 

Classificazione scientifica

Regno: Animalia

Phylum: Chordata

Classe: Reptlia

Ordine: Squamata

Famiglia: Phyllodactylidae

Genere: Tarentola Gray

Specie: Tarentola mauritanica Linnaeus

 



logo

Sardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logoSardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logo

Le nostre community

Vuoi scriverci, darci un consiglio o hai riscontrato un problema su questo sito?

© 2017 A.C. Sviluppo Sostenibile. C.F. 92240180924. Tutti i diritti sono riservati.