• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Schede della flora

Ofride di Moris (Ophrys exaltata subsp. morisii)

Ofride di Moris (Ophrys exaltata subsp. morisii)

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Nome comune

Ofride di Moris 

Nome scientifico

Ophrys exaltata Ten. subsp. morisii (Martelli) Soó 

Descrizione:

L'ofride di Moris (Ophrys exaltata subsp. morisii ) è una pianta erbacea perenne alta 20 - 25 cm, dai fiori molto variabili per morfologia e colore.

Le foglie inferiori sono ovato-oblunghe, la superiore è ovato lanceolata guainante il fusto.

Varianti morfologiche e cromatiche dei fiori di Ophrys exaltata subsp. morisiiVarianti morfologiche e cromatiche dei fiori di Ophrys exaltata subsp. morisii

L'infiorescenza è lassa con 4 - 14 fiori. Le brattee fiorali sono lanceolate, spesso convolute, abbondantemente più lunghe dell'ovario. I fiori sono di morfologia, colore e disegno molto variabile. I tepali esterni  sono oblungo lanceolati, spesso riflessi, con margine ripiegato all'indietro, da bianchi a rosa con venatura centrale verde. I tepali interni sono oblunghi, con apice ottuso o tronco e margine ondulato, bianchi, giallastri o da rosati a purpurei, pubescenti. Il labello è grande, bombato, villoso, di colore variabile dall'ocra al bruno con disegni molto variabili. Appendice apicale piccola, triangolare, rivolta in avanti. Ginostemio verde e giallo con rostro acuto.

Ofride di Moris tra i rami fioriti di rosmarinoOfride di Moris tra i rami fioriti di rosmarino

Ambiente

Pascoli, garighe, cespuglieti, macchia, boschi aperti fino a 1200 metri di altitudine, su tutti i substrati. 

Fioritura

febbraio - maggio 

Curiosità

Ophrys exaltata subsp. morisii è un endemismo di Sardegna e Corsica.

Alcuni Autori la elevano al rango di specie come Ophrys morisii (Martelli) Soò.

Si tratta di una delle ofridi più polimorfe. Si ritiene che la sua origine sia recente e dovuta ad ibridazione di due specie parentali ormai riassorbite dallo stesso ibrido. Questa teoria spiegherebbe la grande variabilità del labello, nel quale prevalgono i caratteri ora dell'una ora dell'altra specie parentale.

Il nome della sottospecie è dedicato a Giuseppe Giacinto Moris (1796-1869), medico e professore di clinica medica dell'Università di Cagliari, eploratore della flora sarda e Autore dello "Stirpium sardorum elenchus", riportante 1482 specie, e della "Flora sardoa", che purtroppo non riuscì a completare. 

 

Classificazione scientifica

Regno: Plantae

Divisione: Magnoliophyta

Classe: Liliopsida

Ordine: Orchidales

Famiglia: Orchidaceae

Genere: Ophrys L.

Specie: Ophrys exaltata Ten.

Sottospecie: Ophrys exaltata Ten. subsp. morisii (Martelli) Soó

Sinonimi: Ophrys arachnitiformis Auct. Fl. Sard., Ophrys exaltata Ten., Ophrys morisii (Martelli) Soò subsp. morisii (Martelli) Del Prete, Ophrys morisii (Martelli) Soò

Testo e foto di Ivo Rossetti

 



logo

Sardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logoSardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logo

Le nostre community

Vuoi scriverci, darci un consiglio o hai riscontrato un problema su questo sito?

© 2017 A.C. Sviluppo Sostenibile. C.F. 92240180924. Tutti i diritti sono riservati.