• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Schede della flora

Ofride ragno precoce (Ophrys sphegodes praecox)

Ofride ragno precoce (Ophrys sphegodes praecox)

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Nome comune

Ofride ragno precoce 

Nome scientifico

Ophrys sphegodes Miller subsp. praecox Corrias 

Descrizione:

L'ofride ragno precoce (Ophrys sphegodes subsp. praecox) è una pianta erbacea perenne, alta fino a 50 cm, sottospecie endemica di Sardegna e Corsica.

Le foglie inferiori sono oblungo-lanceolate e disposte in rosetta, le superiori più strette, guainanti in parte il fusto.

Varianti di forma, colori e disegno in fiori di Ophrys sphegodes subsp. praecoxVarianti di forma, colori e disegno in fiori di Ophrys sphegodes subsp. praecox

 

Frutto di Ophrys sphegodes subsp. praecox

Frutto di Ophrys sphegodes subsp. praecox

L'infiorescenza è lassa con 3-7 fiori. Le brattee fiorali sono lanceolate, concave, più lunghe dell'ovario o quanto questo. I tepali esterni sono biancastri, rosa chiaro o verdi, oblungo-lanceolati, con margine arrotondato, ottuso o tronco e margine ripiegato all'indietro, e con nervatura centrale verde. I tepali interni sono bianchi, rosati o giallastri, oblunghi, con apice tronco, margine ondulato o increspato giallo-ocra o talvolta rossastro. Labello alquanto polimorfo, villoso ai lati, di colore rosso-bruno con margine giallo-verdastro, spesso imperfettamente trilobo con gibbe poco pronunciate. Il labello presenta un disegno centrale a forma di H bluastro o bruno con contorno più chiaro. Appendice apicale assente o molto ridotta, gialla o verdastra. Ginostemio verde e giallo con rostro triangolare.

Ambiente

Pascoli, incolti, garighe, arbusteti, radure, bordi stradali su substrato calcareo, fino a 400 metri sul livello del mare. 

Fioritura

gennaio - aprile 

Curiosità

Ophrys sphegodes praecox è una sottospecie endemica di Sardegna e Corsica. In Sardegna è presente nei calcari del sassarese, dove è piuttosto comune, nei calcari della Planargia e nell'oristanese.

L'epiteto sphegodes deriva dal latino sphex o sphekos (moscone), per la forma e il colore del labello. Il nome della sottospecie fa riferimento alla precocità della fioritura rispetto alla specie tipo, non segnalata in Sardegna. 

 

Classificazione scientifica

Regno: Plantae

Divisione: Magnoliophyta

Classe: Liliopsida

Ordine: Orchidales

Famiglia: Orchidaceae

Genere: Ophrys L.

Specie: Ophrys sphegodes Miller

Sottospecie: Ophrys sphegodes Miller subsp. praecox Corrias

Testo e foto di Ivo Rossetti

 



logo

Sardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logoSardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logo

Le nostre community

Vuoi scriverci, darci un consiglio o hai riscontrato un problema su questo sito?

© 2017 A.C. Sviluppo Sostenibile. C.F. 92240180924. Tutti i diritti sono riservati.