• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Schede della flora

Ofride graziosa e Ofride di Liverani (Ophrys lepida e O. subfusca liveranii)

Ofride graziosa e Ofride di Liverani (Ophrys lepida e O. subfusca liveranii)

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Nome comune

Ofride graziosa

Ofride di Liverani

Nome scientifico

Ophrys lepida Moingeon et Moingeon

Ophrys subfusca (Rchb.) Hausskn. (pro hybr.) subsp. liveranii Orrù et Grasso

Descrizione

Le Ophrys lepida e Ophrys subfusca subsp. liveranii sono due entità dalla tassonomia controversa tra le orchidee spontanee della Sardegna. La prima descritta per un'area nel Sarcidano a circa 800 m di altitudine, la seconda per la pineta costiera di Is Arenas (OR).

Sebbene le due entità siano state attribuite a specie differenti, esse risultano molto simili e pertanto diversi studiosi suggeriscono che si tratti sempre di Ophrys lepida. Inoltre, recenti studi (Romolini & Souche, 2012) fanno ritenere che il binomio Ophrys subfusca sia di dubbia validità.

Pertanto descriveremo le due entità in una stessa scheda, riportando quei caratteri indicati come differenziali tra le due.

Ofride graziosa (Ophrys lepida): Pianta erbacea perenne alta 10-25 cm. Foglie ovato-lanceolate, le basali in rosetta, la superiore avvolgente il fusto. Infiorescenza lassa con 2-8 fiori. Brattee lanceolate più lunghe dell'ovario. Tepali esterni verde-giallastri, ovati, concavi, con apice ottuso, i laterali divergenti, il superiore più largo rivolto in avanti a coprire il ginostemio. Tepali interni verde-giallastri, nastriformi con apice tronco, divergenti o conniventi con il tepalo mediano esterno. Labello convesso, trilobo lungo fino a 15 mm, con lobi laterali marcatamente separati dal mediano, che si presenta bilobo all'apice. Il labello è bruno con margine giallo di almeno 2 mm, macchia basale grigio-bluastra. Ginostemio corto, nascosto dal tepalo esterno mediano.

Ofride di Liverani (Ophrys subfusca subsp. liveranii): viene distinta da O. lepida per le dimensioni maggiori (fino a 40 cm di altezza), per le brattee lunghe quanto l'ovario o più corte, per la presenza di un solco mediano alla base del labello, e per la cavità stigmatica più ampia.

Ophrys lepida, pianta e fioreOphrys lepida, pianta e fiore

Ambiente

Incolti, garighe, macchia, radure, bordi stradali, soprattutto su calcare, dal livello del mare (O. subfusca liveranii) a 850 metri di altitudine (O. lepida).

Fioritura

marzo - maggio

Curiosità

Oprhys lepida e Ophrys subfusca liverani sono entità endemiche della Sardegna.

L'epiteto lepida deriva dal latino e significa bella, graziosa.

L'epiteto specifico subfusca è stato adottato per indicare quelle specie del genere Ophrys con caratteri intermedi fra O. fusca e O. lutea. Il nome liveranii è in onore di Paolo Liverani (1923-2005), studioso di orchidee e fondatore del Gruppo Italiano Ricerca Orchidee Spontanee.

 

Classificazione scientifica

Regno: Plantae

Divisione: Magnoliophyta

Classe: Liliopsida

Ordine: Orchidales

Famiglia: Orchidaceae

Genere: Ophrys L.

Specie: Ophrys lepida Cav. / Ophrys subfusca (Rchb.) Hausskn. (pro hybr.) subsp. liveranii Orrù et Grasso

 

Riferimenti

Romolini R. & Souche R., 2012. Ophrys d'Italia.

Testo e foto di Ivo Rossetti

 



logo

Sardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logoSardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logo

Le nostre community

Vuoi scriverci, darci un consiglio o hai riscontrato un problema su questo sito?

© 2017 A.C. Sviluppo Sostenibile. C.F. 92240180924. Tutti i diritti sono riservati.